Cyber security e nuovi rischi per i consumatori: ecco cosa è importante sapere

Il tema della cyber security è sempre molto delicato e importante per le grandi organizzazioni ma ancora poco rilevante per le piccole aziende e per le PMI che caratterizzano il comparto economico italiano. Come sostiene quest’azienda specializzata in soluzioni system integrator dallo scoppio della pandemia ad oggi la situazione è notevolmente evoluta e gli scenari a cui tutti dobbiamo prestare attenzione sono piuttosto cogenti. 

Le indagini sul mercato 

Secondo un’indagine di IBM Security il campione di soggetti intervistati ritiene di aver creato ben 15 nuovi account online ma, di questi, la quasi totalità ha ammesso di aver utilizzato le medesime credenziali di accesso per più di un profilo. In pratica stesso username e stessa password viene utilizzata per accedere a social network, homebanking, servizi web delle PA e via discorrendo. Si deduce che la maggior parte degli account creati durante e dopo la pandemia siano basati su mail e password già usate e che, quindi, sono state già esposte a forti rischi rispetto alle violazioni registrate negli ultimi anni. 

Il comportamento degli utenti 

Tra gli altri dati è emerso che più della metà degli intervistati si aspetta di dover impiegare un massimo di cinque minuti per la creazione di un nuovo account online. Per di più tutti gli intervistati hanno convenuto nel tentare almeno tre o quattro volte un accesso online prima di reimpostare la password dimenticata o smarrita. Quanto alla conservazione dei dati sensibili una buona parte di intervistati memorizza le informazioni di accesso direttamente sul dispositivo mentre solo il 32% le scrive su carta

La digitalizzazione della quotidianità 

Tra gli altri dati è emerso come l’utilizzo dei canali digitali sia diventato estremamente rilevante per gestire la domanda di test, trattamenti Covid, vaccini e risposte a dubbi e preoccupazioni da parte della popolazione. Ciò avrebbe generato un progressivo dirottamento verso supporti digitali da parte della sanità, facendo emergere i benefici della telemedicina che assumerà un ruolo di sempre maggiore rilievo per la gestione dei protocolli di sicurezza sanitari. 

Sanità e vita pubblica 

Tuttavia emerge la necessità di formulare tessere sanitarie digitali, passaporti vaccinali e credenziali online tali per cui tutti siano in grado di accedere alle prestazioni sanitarie in modo rapido, efficiente ed ottimizzato. Pertanto i governi si stanno interrogando sull’eventualità di introdurre certificati di identità digitale che superino i tradizionali sistemi di identificazione e che migliorino l’aggregazione dei macro-dati. È quanto avviene oggi con green-pass e tamponi, il principio digitale di una transizione ancora più ampia. 

L’approccio zero trust

Per contro le aziende dovrebbero adottare approcci detti ZeroTrust, ovvero basati sul presupposto per cui l’identità digitale di un utente possa essere già compromessa. Sono necessarie nuove soluzioni di verifica delle identità di accesso e potenti strumenti di tutela dei dati che prevedano rigidi controlli per fermare gli accessi non autorizzati. Infine sarà altamente necessario implementare test e tecnologie di sicurezza capaci di anticipare i futuri scenari e di contenere in modo blindato i dati di clienti e aziende in modo tale da costituire database altamente inviolabili.

Impianti di filtrazione industriale delle polveri

Un impianto di filtrazione industriale è un tipo di attrezzatura per il controllo dell'inquinamento dell'aria usata da diverse aziende in: magazzini, fabbriche e altri ambienti industriali o commerciali per soddisfare i requisiti ambientali e di sicurezza sul posto di lavoro.

Questi sistemi sono specificamente progettati per purificare e filtrare la polvere pericolosa e il particolato fine, i quali contaminano l’aria nell'ambiente di lavoro o nell'atmosfera.

Come funzionano

I sistemi di raccolta delle polveri funzionano in generale aspirando polvere e particolato dall'aria attraverso un filtro che prima cattura e separa la materia, e poi scarica l'aria purificata nell'ambiente in cui è stata prelevata.

I tipi di inquinanti possono essere diversi a seconda dell'industria. Pertanto, esistono diversi tipi di collettori di polveri industriali specifici.


Da cosa sono composti

I componenti di base di un sistema di raccolta della polvere includono una soffiante, un filtro per la polvere, un sistema di pulizia, un recipiente e un mezzo per raccogliere il particolato. I tipi comuni di attrezzature per la raccolta delle polveri includono filtri a manica in tessuto, separatori inerziali, collettori a cartuccia, scrubber a umido e precipitatori elettrostatici. I depolveratori a maniche sono i più usati perché hanno un'efficienza del 99%.

Come avviene il processo

La canalizzazione, è la prima fase della filtrazione industriale della polvere e consiste nell’estrazione del particolato dai vari tipi di apparecchiature e spazi. Tutto ciò avviene grazie ad una serie di tubi dalla lunghezza variabile e soprattutto grazie al ventilatore. Quest’ultimo è un elemento critico in un sistema di raccolta della polvere poiché è il meccanismo che tira l'aria contaminata nei condotti e la invia ai sistemi di filtrazione e pulizia.

Nel cuore del processo troviamo il filtro della polvere: si tratta di uno strumento atto alla pulizia dell'aria dalle sostanze contaminanti. I sistemi di filtrazione industriale sono progettati per separare i contaminanti e le particelle dai tutti i tipi di fluidi (aria e liquidi). Questi permettono al fluido di passare attraverso la membrana, rimuovendo le particelle solide.

La raccolta delle polveri è fondamentale per un certo numero di settori industriali come: la lavorazione del legno, l'agricoltura, la lavorazione degli alimenti, l’industria farmaceutica, il riciclaggio, la fabbricazione dei metalli, l'estrazione mineraria e molti altri ancora.


Tipologie di collettori

I tipi di inquinanti rimossi differiscono a seconda dell'industria. I produttori di collettori di polveri progettano e sviluppano attrezzature per soddisfare specificamente le esigenze di ogni condizione ambientale.


Collettori a scuotimento

I depolveratori a scuotimento sono fatti per filtrare le particelle più grandi come i trucioli di legno. Questi collettori di medie dimensioni sono ideali per le industrie più piccole come le scuole professionali e le falegnamerie. Gli scuotitori possono essere manuali o automatici e agiscono depurando l'aria piena di polvere con degli apposti filtri. Le particelle più grandi cadono per gravità nella tramoggia verso il tamburo di stoccaggio. Le particelle più fini sono aspirate verso l'alto nell'involucro del filtro.

Collettori di polvere a getto di impulsi

I depolveratori a getto di impulsi sono un altro tipo di sistema, il quale funziona tramite un rapido getto d'aria ad alta pressione che produce un impulso. I modelli a getto di impulso sono il tipo più comune di depolveratori industriali, grazie alla loro versatilità, alla capacità di gestire una vasta gamma di temperature e pressioni, e alla loro alta efficienza di raccolta.


Collettori a cartuccia

I collettori a cartuccia sono un tipo di filtro in tessuto progettato per applicazioni specifiche. Questi sono molto comuni proprio perché racchiudono più area di tessuto in uno spazio minore e utilizzano meno filtri, il che riduce al minimo i rischi per la sicurezza.


Collettori di polvere a ciclone

I collettori di polvere a ciclone sono un tipo di separatore inerziale che separa la polvere da un flusso di gas attraverso la forza centrifuga. L'aria viene purificata creando un'azione ciclonica all'interno della camera di raccolta. Un intenso flusso d'aria circolare simile a un vortice spinge le particelle di polvere contro la parete del ciclone, che scivolano verso la base della tramoggia per la raccolta.

Precipitatori elettrostatici

I precipitatori elettrostatici sono usati per separare fuliggine, cenere e particelle di polvere dai gas di scarico usando l'elettricità statica. Operando sullo stesso principio di un purificatore d'aria ionico, le forze elettrostatiche caricano negativamente le particelle trasportate dall'aria mentre queste scorrono attraverso un campo ionizzato tra gli elettrodi all'interno di una camera. Una volta che le particelle sono caricate positivamente vengono catturate. I precipitatori elettrostatici si trovano nelle centrali elettriche industriali che bruciano combustibili fossili come il petrolio e il carbone per l'elettricità.


Le aziende che operano nel settore degli impianti di filtrazione delle polveri sono molteplici, proprio perché al giorno d’ oggi questi servizi sono sempre più richiesti. Tra le tante occorre segnalare www.brunobalducci.com un’azienda fondata nel 1944, che da oltre 77 anni progetta, costruisce ed installa impianti di aspirazione, filtrazione, depolverazione e di bonifica ambientale.

Mobilità elettrica e sostenibile: quali vantaggi per l’ambiente

 La mobilità sostenibile è una delle soluzioni più importanti che abbiamo a disposizione per contrastare l’inquinamento atmosferico. Vediamo nei dettagli tutti i vantaggi per l’ambiente legati alla diffusione della mobilità elettrica e come funziona il bonus mobilità 2021

L’importanza della mobilità elettrica e sostenibile

L’inquinamento proveniente dai mezzi di trasporto è una delle principali cause dell’inquinamento globale e della crisi climatica che stiamo vivendo. Un problema gravoso che colpisce ambiente e cittadini, provocando un aumento dell’inquinamento atmosferico, particolarmente gravoso nei centri urbani. 

Secondo Mal’aria, il report annuale di Legambiente sull’inquinamento dei centri urbani, diverse città nel 2020 hanno registrato superamenti nei livelli di PM10, confermando il trend negativo per la qualità dell’aria in Italia. A  livello mondiale sono circa 500.000 le morti premature causate dall’inquinamento e l’80% hanno luogo in Europa, rendendo l’inquinamento atmosferico la quarta causa di morte a livello mondiale 

Per contrastare questa situazione è dunque necessario rivalutare l’intero settore trasporti in un’ottica green, spingendo per una mobilità sempre più sostenibile e condivisa. La diffusione di veicoli elettrici può infatti fornire una serie di vantaggi importantissimi per i cittadini e per l’ambiente. Vediamo quali. 

Mobilità sostenibile, quali i vantaggi per l’ambiente 

Il primo vantaggio legato all’utilizzo di veicoli elettrici e sostenibili è legato al profilo ambientale, non solo con l’obiettivo di  migliorare la qualità dell’aria all’interno delle città ma anche per ridurre le emissioni di gas serra nell’atmosfera. I veicoli elettrici hanno infatti un impatto ambientale molto più basso rispetto ai veicoli a motore, permettendo inoltre di abbassare ulteriormente le emissioni inquinanti accorciando la filiera produttiva. Realizzare un veicolo elettrico green 100% made in Italy significa infatti risparmiare sui costi e sulle conseguenti emissioni causate dal trasporto, rendendo così molto più efficace la lotta al riscaldamento globale. 

Non solo: la corsa al petrolio sta spingendo molte aziende a introdursi in aree fragili e protette, come il Polo Nord, mettendo ancora più a rischio gli ecosistemi della zona, mentre  trivelle e petroliere sono spesso responsabili per gli sversamenti di greggio nel mare, causando un inquinamento delle acque da cui è molto difficile tornare indietro. 

Un secondo importante vantaggio che deriva dall’utilizzo di una mobilità sostenibile è quello legato all’inquinamento acustico. Il traffico è infatti una fonte primaria di rumore, soprattutto nelle aree urbane e colpisce quasi 70 milioni di europei costantemente sottoposti a livelli di rumore che superano i 55 decibel. L’esposizione continua a questi livelli di rumorosità può innescare una serie di conseguenze sull’organismo quali stress, nervosismo e aggressività, disturbi del sonno e di concentrazione: secondo l’OMS inoltre, un’esposizione prolungata a un livello elevato di rumore può contribuire all’insorgenza di malattie cardiovascolari. 

L’utilizzo di una mobilità elettrica potrebbe pertanto  rappresentare un grande beneficio per la salute -anche acustica- dei cittadini. 

Bonus mobilità 2021

Gli obiettivi italiani in merito alla mobilità elettrica sono illustrati nel Pniec (Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima) un documento che stabilisce gli obiettivi nazionali al 2030 in termini di sostenibilità, rinnovabili ed emissioni di C02. In particolare è stato fissata al 22% la percentuale di energie rinnovabili legate al settore dei trasporti e proprio su questo punto il governo italiano ha stabilito un aumento graduale di immatricolazioni di auto elettriche, con l’obiettivo di raggiungere quota 4 milioni di veicoli green elettrici entro il 2030

Proprio per incentivare la diffusione di una mobilità sostenibile è stato stabilito il Bonus auto e bici 2021 presente all’interno del bonus Mobilità, con il quale si indica un incentivo corrisposto al cittadino per l’acquisto di biciclette, monopattini, cargo bike e veicoli elettrici. 

Il bonus mobilità 2021 identifica  un contributo economico che prevede un rimborso fino a 500 euro per coprire fino al 60% la spesa sostenuta dai cittadini per l’acquisto di un mezzo di mobilità sostenibile. Il bonus mobilità si inserisce tra i molti finanziamenti green previsti dal governo grazie all’Ecobonus, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di C02, favorire la mobilità sostenibile e la riqualificazione energetica domestica. Centrale risulta la spinta alle energie rinnovabili, in grado di ridurre le emissioni inquinanti nell’atmosfera: molti fornitori del mercato libero offrono vantaggiose offerte luce e gas green, sfruttando le fonti di energia pulita. Se stiamo per traslocare in una nuova casa è importante effettuare per tempo anche il trasferimento delle utenze: se nella nuova abitazione non è presente il contatore sarà necessario fare richiesta per un allaccio delle utenze. Qualora dovessimo cambiare di intestazione il contratto relativo ad un’utenza luce e gas ancora attiva l’operazione da effettuare è quella della voltura.

Qualora dovessimo incontrare problemi con il contatore del gas, dovremo contattare prontamente il distributore. Tutti i clienti Tim che abbiano attivato un’offerta casa possono attivare Tim vision. L’importante è verificare sempre che ci sia una buona copertura di rete nella zona.

Organizzazione eventi a Milano: un’occasione per splendere

È risaputo che Milano sia un caleidoscopio di realtà multiformi, una città all’avanguardia proiettata direttamente nel futuro, ricca di persone interessanti e di occasioni formative e lavorative, pronte dietro ogni angolo. Un modo per lasciare il segno è sicuramente lorganizzazione di eventi a Milano, e questa città è sicuramente il palco migliore per poter mettere in vetrina la propria attività, indipendentemente dal settore della stessa e dalle sue dimensioni. Certo, con tutti gli eventi che si susseguono a Milano ogni giorno, non è assolutamente semplice lasciare il segno, ma ci sono una serie di accorgimenti che si possono attuare per garantire il successo della propria iniziativa. Ecco quali!

Organizzazione eventi a Milano: che tipo di eventi?

Per la sua fama e la sua natura poliedrica di metropoli europea, Milano non può non essere il centro nevralgico di decine e decine di eventi di ogni sorta. Qui ogni settimana si organizzano eventi di ogni genere, forma, e dimensione, che coinvolgono ogni settore e migliaia di persone: mostre, sfilate di grandi marchi (si tratta pur sempre della capitale della moda!), convegni, workshops, eventi gastronomici, promozione di nuovi prodotti e tecnologie sul mercato e molto altro. Tra questi figurano anche i meetings aziendali che, nell’ultimo anno e mezzo, hanno subito trasformazioni e sconvolgimenti non indifferenti per via della pandemia. Sono nati così gli incontri su piattaforma di streaming, o gli ibridi online-in presenza fisica, e vari accorgimenti son stati presi per venire incontro alle nuove esigenze legate alla sicurezza, senza venir meno alla necessita di mantenere viva una città importante instancabile come Milano. In ogni caso, curare l’organizzazione di un evento a Milano non è affatto semplice, poiché in questo mare magnum bisogna davvero ingegnarsi per poter stupire il pubblico e lasciare un segno nella città!
Insomma, in una realtà dinamica come questa, realizzare un evento di successo è il miglior trampolino di lancio per qualsiasi attività, che sia una piccola start-up, un’azienda già navigata o qualsiasi altra realtà: per questo, sarebbe opportuno rivolgersi a degli esperti.

Organizzazione eventi a Milano: step da seguire

L’organizzazione di eventi a Milano necessita dell’azione di una realtà che sia al pari di una grande città europea come questa: insomma, è inevitabile doversi rivolgere ad una agenzia di organizzazione eventi. Ce ne sono davvero tantissime, pertanto non è facile scegliere. Per orientarsi in questa decisione è consigliabile studiare l’offerta sul mercato di ognuna di queste aziende, e cercare di capirne lo stile e i metodi di azione di modo da comprendere se siano più congeniali ai propri gusti e allo stampo dell’evento che si sta organizzando. Bisogna poi scegliere una location adatta, e anche qui le opzioni sono davvero moltissime, visto che Milano offre tantissimi posti adatti e attrezzati per lo scopo. Solo attuando una scrupolosa indagine, e anche analizzando il target a cui eventualmente sarà l’indirizzato l’evento, si potrà scegliere il luogo più congeniale. Questo processo attraverso le agenzie sarà molto più semplice poiché queste sono anche fornite di contatti e partnership con chi detiene questi luoghi e molti altri servizi utili per l’organizzazione di eventi. Si otterranno così collaborazioni utili per l’organizzazione dell’evento a Milano, di modo che questo sia un successo e riesca nel suo intento di lasciare una traccia profonda e indelebile nel cuore multiforme della città!

Cos’è l’assistenza domiciliare anziani e perché ne dovrei aver bisogno?

L’assistenza domiciliare per gli anziani include servizi che possono migliorare la qualità della vita, aumentare la sicurezza o semplicemente rendere la vita meno impegnativa agli anziani. In genere è su misura per soddisfare le esigenze specifiche dell’individuo, le quali possono anche essere molto semplici, come leggere un libro, chiacchierare o giocare con un anziano. L’assistenza domiciliare agli anziani copre un’ampia varietà di compiti, oltre ad un lasso di tempo che può variare (alcuni 8 o 12 ore al giorno, altri possono arrivare alle 24 ore giornaliere). Numerosi studi hanno mostrato i benefici che le persone traggono assumendo qualcuno per assistere con la cura e la compagnia di un anziano.

Per gli anziani l’assistenza domiciliare può aiutare a garantire la loro indipendenza, rendere la vita più piacevole e persino migliorare la loro salute generale. Diversi studi dimostrano come per i componenti della famiglia può portare una maggiore tranquillità e sollievo, necessari per lo svolgimento della vita quotidiana. In breve, l’assistenza domiciliare agli anziani aiuta a mantenere questi  al sicuro e indipendenti. 

Quindi abbiamo posto una semplice domanda agli esperti in assistenza domiciliare anziani Roma (che ci hanno aiutato a scrivere questo articolo): cosa include l’assistenza domiciliare agli anziani? Esistono due tipi di assistenza ed entrambi sono classificati come “non medici”, perché non richiedono un infermiere per eseguirli. Il primo consente a un asssistente professionalmente preparato di fornire un servizio all’anziano. Il secondo tipo di assistenza agli anziani a domicilio è l’assistenza personale che consente il corretto svolgimento delle attività della vita quotidiana. Di seguito viene fornita una ripartizione delle differenze tra questi due tipi di assistenza.

Tipologia n. 1

Questa fornisce servizi personalizzati per soddisfare le esigenze dell’anziano e può includere i seguenti tipi di servizi:

  • pulizie;
  • lavanderia e cambio biancheria;
  • commissioni;
  • somministrazione di farmaci;
  • trasporto accidentale;
  • assistenza nell’organizzazione domestica;
  • shopping;
  • preparazione dei pasti;
  • monitoraggio della sicurezza;
  • supervisionare la vestizione e la toelettatura;
  • attività per incoraggiare l’esercizio del corpo e della mente.

Molte persone non richiedono cure oltre a quelle sopra citate, purché siano in grado di muoversi, fare il bagno, vestirsi e mangiare con il minimo aiuto. Tuttavia, se hanno anche bisogno di ulteriore assistenza, è il momento di prendere in considerazione altri servizi, e così arriviamo alla seconda tipologia di assistente.

Tipologia n. 2

Questo, invece, fornisce servizi personalizzati per soddisfare le esigenze di un anziano, inclusi tutti i servizi di assistenza ai compagni sopra elencati PIÙ i seguenti tipi di servizi:

  • fare il bagno;
  • vestirsi;
  • spostarsi da un luogo a un altro;
  • cura dell’incontinenza;
  • assistenza con il mangiare.

Attività come quelle sopra elencate richiedono una formazione aggiuntiva e non possono essere svolte da un normale accompagnatore. I dipendenti che forniscono questo tipo di servizi della cura personale sono inoltre periodicamente supervisionati da un supervisore registrato. È imperativo che le persone che si occupano del trasferimento, fare il bagni, vestire o dell’assistenza alle persone con problemi di incontinenza abbiano una formazione adeguata in modo che né il paziente né il suo accompagnatore vengano feriti o messi in pericolo durante il processo di fornitura di assistenza.

9 suggerimenti rapidi per creare volantini aziendali efficaci

Sebbene le azioni di marketing che sfruttano volantini come pubblicità siano relativamente poco costose e abbastanza facili da attuare, i costi di produzione possono aumentare nel tempo. Le piccole imprese sono particolarmente vulnerabili a questi costi. Pertanto, creare un volantino aziendale efficace la prima volta garantisce che le risorse investite raggiungano il ritorno sull’investimento di cui hai bisogno.

Allora come puoi creare volantini aziendali efficaci? Ecco alcuni piccoli suggerimenti per una fantastica stampa volantini.

1. Mantieni i tuoi contenuti brevi e semplici.

Tenendo conto del design e delle dimensioni del tuo volantino, l’area in cui puoi scrivere contenuti è limitata. Non sopraffare il tuo lettore inserendo troppe informazioni. Scrivi i tuoi contenuti in modo conciso; lascia solo l’essenziale.

2. Dividi la tua copia in sezioni digeribili.

L’aspetto del tuo testo può influenzare l’interesse del tuo lettore. A prima vista, i paragrafi lunghi sembrano giganteschi muri di testo che potrebbero spegnere il lettore. Lo spazio bianco, ovvero l’area attorno a un determinato elemento di design, aiuta ad alleviare questa tensione. Per i volantini aziendali informativi, dividi i tuoi contenuti in sezioni con titoli per renderli piacevoli alla vista.

3. Usa elenchi puntati e infografiche.

In linea con la presentazione sintetica dei tuoi contenuti, prova a riassumere i dati forniiti utilizzando elenchi puntati e grafici. Ciò renderebbe le informazioni più facili da capire.

4. Crea un titolo accattivante.

Il titolo sarà sempre la prima riga di testo che i tuoi destinatari leggeranno. Cerca di renderlo accattivante per invogliarli a leggere ulteriormente e a non ignorare il depliant.

5. Aggiungi un invito all’azione.

Una delle parti più importanti dei tuoi contenuti è la dichiarazione di invito all’azione. L’invito all’azione dice al tuo lettore cosa dovrebbe fare dopo aver letto le informazioni. “Chiamaci”, “Ordina ora” o “Visita il nostro sito” sono esempi comuni, ma sentiti libero di essere creativo.

6. Non dimenticare di aggiungere indicazioni stradali.

Questo vale sia per le attività online che offline. Aggiungi indicazioni per il tuo negozio fisico o inserisci l’indirizzo del tuo sito web. Questo rende il tuo volantino utile al lettore come riferimento futuro.

7. Includi le informazioni di contatto.

Questo è abbastanza ovvio, ma proprio per questo può essere facilmente dimenticato. Metti sempre le tue informazioni di contatto su un volantino. La parte inferiore o superiore è solitamente il luogo ideale per un facile accesso, rispetto a zone centrali..

8. Rileggi sempre i tuoi contenuti.

È scoraggiante quando ci sono errori nei tuoi contenuti. Piccoli particolari come errori di ortografia o grammatica potrebbero rubare l’attenzione del lettore dalle informazioni stesse. Quindi rileggi sempre i tuoi contenuti prima di inviarli al tuo fornitore di servizi di stampa.

9. Comunica utilizzando la lingua del mercato di riferimento.

Come con tutte le strategie di marketing, i tuoi volantini dovrebbero adattarsi bene al tuo mercato di riferimento. Questo dipende in larga misura dalla categoria di persone che i tuoi possibili acquirenti ricoprono. Tuttavia, è sempre una buona pratica utilizzare un linguaggio facilmente comprensibile per il mercato di destinazione.