Ostuni

Ostuni, una perla bianca nel cuore della Puglia

La chiamano La Città Bianca, e non c’è bisogno di spiegarne il motivo; il colpo d’occhio, man mano che ci si avvicina al centro abitato di Ostuni, è straordinario e del tutto particolare; un profilo candido che riflette la luce del sole e si riverbera per i vicoli stretti, risplende a distanza e avvolge da vicino. Ogni b&b Ostuni, ogni negozio, ogni abitazione è parte integrante di un tessuto che trae la sua ragion d’essere nella bellezza senza tempo del borgo antico e delle arterie che lo avvolgono.

Ostuni è uno dei borghi più particolari d’Italia, un centro che supera di poco i 30 mila abitanti, a poche manciate di chilometri da Brinidisi. La cittadina si acciambella sulla costa adriatica e si eleva su tre colli che si ergono, morbidi, a circa 200 metri sopra il livello del mare. Il punto più alto della città concede una vista mozzafiato, che si perde nell’orizzonte marino da una parte e nei meandri di un dedalo di manifestazioni artistiche dall’altra.

Il centro storico di Ostuni, in effetti, è impreziosito da chiese, palazzi baronali, costruzioni antiche e moderne ibridate in un contesto che segue una logica propria, in cui il mare sorride ai colli e gli stili artistici più molteplici si rincorrono e si integrano con naturalezza, come se tutto fosse esattamente come dovrebbe essere.

La pietra bianca è l’elemento che distingue Ostuni da qualunque altro borgo, figlia di un retaggio antico in cui la necessità è divenuta virtù. La città bianca ha sempre potuto su una significativa abbondanza di calce, facilmente reperibile e indicatissimo per le opere edili. Così il centro storico, nel corso dei secoli, sin è tinto sempre più di colorazioni marmoree, traendo in esse un elemento di identità e appartenenza che ancora oggi alimenta lo spirito cittadino. Perdersi nei borghi ostunesi è quanto di più bello possa capitare, in estate col sole che rifulge sulle pareti; in inverno quando le cromie pastello del cielo uggioso sembrano comunicare con ogni singolo palazzo della città.

Lascia un commento