Produzione video: chi fa cosa?

Sei rimasto fino alla fine dei titoli di coda per un film al cinema? Se è così, immagino fosse perché eri curioso di chi avesse fatto ciò che nel film che hai appena visto. E poi, probabilmente sarà sfuggito alla tua attenzione che ci vogliono centinaia di persone per fare un film e affrontare la produzione video.

Per chi ha intenzione di produrre un video per la propria piccola impresa, questo enorme elenco di persone può essere scoraggiante. Ma non temere: un video professionale di buona qualità può essere prodotto con un minor numero di persone o anche con una sola persona!

Dipende davvero dal tipo di video che stai cercando di produrre, che si tratti di una semplice intervista con il CEO di una startup in forte espansione o di una breve storia di come è nata la tua attività. La maggior parte delle aziende e dei liberi professionisti che lavorano nella video production Milano possono adattarsi in base alle esigenze e al budget.

Una sola persona

Il modo più semplice (e quindi più conveniente) per produrre un video è di avere un team di una sola persona. Questa persona, spesso chiamata un one-man band in inglese, fa tutto da sola: posiziona le luci e la telecamera, registra il suono, si occupa di tutta la logistica delle riprese, eccetera

Se essere diversi rende sempre più facile il lavoro di tutti, una persona può essere abbastanza per gestire la maggior parte delle riprese, se rimane di proporzioni ragionevoli. Ad esempio, per filmare un’intervista con una (o una serie di) persone, un singolo videografo dovrebbe essere sufficiente per gestire l’illuminazione, dotare l’altoparlante di un microfono e organizzare una buona ripresa.

Ma se è l’opzione più economica, è anche quella che richiede più tempo. Una sola persona non sarà in grado di gestire le luci, i microfoni e la fotocamera allo stesso tempo (e reimballare tutto allo stesso tempo alla fine della giornata). Quindi, se per qualche motivo pensi di avere un tempo limitato il giorno delle tue riprese, prendi in considerazione un’altra soluzione

Una squadra da due

Quando abbiamo una squadra di due persone disponibili, di solito assegniamo il suono a uno e l’immagine all’altro. Il primo si occupa dei microfoni e delle registrazioni audio, mentre il secondo si occupa delle luci e della fotocamera.

Perché separare i due? Se il suono (ovvero quello che dicono le persone nella foto) è più importante nel tuo video rispetto alle splendide immagini del tuo prodotto, devi assolutamente assicurarti che la registrazione del suono sia impeccabile. E per questo, non c’è niente di meglio che avere una persona responsabile esclusivamente del suono. Ciò è tanto più importante se stai girando in un luogo rumoroso o in un luogo in cui ci saranno molte interruzioni audio. Un buon registratore di suoni è completamente focalizzato sulla registrazione audio e sarà in grado di dirti se prendere o meno.

A volte è anche meglio avere una squadra di due persone disponibili se hai intenzione di filmare un evento dal vivo che accadrà solo una volta. Per essere sicuri di avere tutto ciò che desideri, è preferibile utilizzare due fotocamere (con due cameramen) che ruotano contemporaneamente.

Prendiamo, ad esempio, una conversazione tra due persone: la prima macchina fotografica offre un angolo di visuale sufficientemente ampio da includere i due protagonisti, mentre la seconda ingrandisce l’una o l’altra, a seconda delle svolte parlate. Verranno quindi modificati in post produzione.

Post-Produzione

Diverse persone dovranno lavorare sugli scatti prima che il video possa essere considerato finito. Alcuni ruoli si fondono con quelli sopra menzionati.

Il primo (e più ovvio) ruolo è quello dell’editor. Taglia gli scatti per creare un video coerente. Nel caso di una band one-man, sarà sempre la stessa e unica persona che se ne occuperà. Nel caso di produzioni più grandi, potrebbe essere qualcun altro che potresti non incontrare mai.

Ma la post-produzione include molto più della modifica. Se vuoi che la musica accompagni il tuo video, l’editor potrebbe dover creare l’intera colonna sonora da una libreria. Ma per avere qualcosa di veramente originale, dovrai chiamare un compositore. Se hai bisogno di effetti sonori, avrai anche bisogno di uno specialista che possa organizzare dialoghi, rumori e musica. (Una squadra di due persone può decidere di condividere tutto questo lavoro, proprio come hanno fatto per le riprese in precedenza. Il cameraman si occupa del montaggio e l’ingegnere del suono, beh sempre il suono.)

Per motivi estremamente complicati, è necessario correggere i colori degli scatti effettuati con la fotocamera in modo che il risultato finale sia fedele alla realtà. Ciò non significa che il cameraman abbia fatto un errore, è normale. È un po ‘come riparare una foto in Photoshop.

Web Marketing: I punti di forza di un video

I video sono uno degli strumenti di web marketing più efficaci (se non il più efficace in assoluto) per farsi conoscere in rete e diffondere il proprio brand o se stessi. Diverse sono le ragioni che rendono un video il contenuto ideale per un’attività di branding ben strutturata e d’impatto.

Viralità

Certamente, la peculiarità più significativa dei video è quella della viralità, termine sconosciuto fino a pochi anni fa e oggi entrato a pieno titolo nel dizionario di uso comune. La possibilità di postare video sui social, di condividerli, inviarli ad altri utenti e l’integrazione con le piattaforme di instant messaging hanno ampliato esponenzialmente le possibilità di diffusione di ogni contenuto web. I video, a differenza dei testi, sono immediati e attirano l’attenzione dell’utente, lo invogliano alla condivisione, lo spingono a commentare e a cercare un’interazione diretta; divertono, informano, emozionano e persuadono in modo naturale, creando un legame più stretto tra l’utente e il marchio.

Diffusione dei valori aziendali

Le tecniche di videomaking utilizzate per la produzione video da Lugano in Svizzera ai Paesi orientali è simile in molti aspetti, su uno in particolare: occorre pensare all’utente, impegnarsi a fornire qualcosa che possa essere percepito come di reale utilità. Che sia un video divertente, commuovente o informativo, l’importante è che lo scopo sia quello di intrattenere e non di imporre la propria immagine aziendale. Quest’ultima deve essere suggerita, lasciata intendere tra le righe e subordinarsi all’aspetto ludico. In questo modo, i video diventano un fortissimo costruttore di empatia, consentono di creare affezione e di far conoscere i valori dell’azienda senza la pedante (e superata) consuetudine autocelebrativa.

Rapporto costi-risultati potenzialmente straordinario

Realizzare un video che sia davvero in grado di viaggiare sul web e di diffondersi a macchia d’olio costa. Costa impegno, fatica, tempo e denaro. Ma se la campagna dovesse rivelarsi un successo, il ritorno dell’investimento potrebbe assumere delle proporzioni incalcolabili.

E non è neanche detto che sia necessario investire cifre considerevoli: a volte, è sufficiente imbroccare l’idea che funziona perché il proprio video rudimentale faccia il giro del web e consacri un successo di marketing!