Dungeons e Dragons online: cosa c’è da sapere

Negli ultimi anni l’avvento delle tecnologie e in particolar modo di internet ha permesso a giovani e meno giovani di scoprire un mondo del tutto nuovo, un mondo virtuale dove potersi rifugiare dallo stress quotidiano che sistematicamente ci colpisce. C’è chi preferisce condividere le proprie esperienze per messo social, c’è chi invece preferisce leggere il più e il meno sul web e c’è chi invece preferisce giocare. Ed è proprio in quest’ultima tranche che nell’ultimo decennio hanno scalato posizioni su posizioni i giochi MMO e i giochi MMORPG tra i quali spicca senza ombra di dubbio Dungeons e Dragon Online, tratto dall’omonimo gioco da tavolo che dal lontano 1976 accompagna soprattutto gli adolescenti durante i loro pomeriggi.

Scopriamo le origini del gioco

Come detto Dungeons e Dragons Online è un MMORPG di chiara natura fantasy che è stato pubblicato da Atari e Codemasters a fine febbraio 2006 e il nome originale era Dungeons e Dragons Online: Stormreach.
Esso è ambientato nel mondo di Eberron, in particolar modo nel continente di Xen’drik ove coesistono in modo perfetto elementi classici tipici del mondo fantasy e quelli magico tecnologici.
Come suggerito dal nome originale del gioco tutta l’azione si svolte nella città di Stormreach che a sua volta è divisa in aree ben specifiche:

  • Il Mercato
  • House Jorasco: controllata dagli halfling, ed è la casa di cura di Stormreach;
  • House Kundarak: controllata invece dai nani, ed è la banca di Stormreach
  • House Pharlan: controllata da elfi, ed è meglio conosciuta come la casa dello spionaggio
  • Il Porto
  • I Dodici: ovvero l’istituto arcano della città
  • House Denieth: che invece è controllata dagli umani, ed è la caserma di Stormreach.

Personaggi e razze presenti nel gioco

Come qualsiasi gioco ormai in circolazione esistono personaggi di etnie e classi differenti. Ovviamente, ed è giusto specificarlo anticipatamente, vi sono soggetti disponibili gratuitamente sin dall’inizio del gioco e altri invece a pagamento. Ma andiamo a vederli nel dettaglio:

Le razze gratuite disponibili sin dal principio:

I Nani;
Gli Umani;
Gli Halfing;
Gli Elfi.

Inoltre sono disponibili a pagamento:


I Mezzelfi;
I Mezzorchi;
I Drow.

Le classi disponibili gratuitamente ad inizio gioco:

Paladino;
Guerriero;
Ranger;
Bardo;
Ladro
Mago;
Stregone;
Barbaro.

L’unica classe disponibile a pagamento, invece, è quella del monaco che è disponibile sono per gli utenti che posseggono un account VIP. Insomma come avete visto si tratta di un gioco tutto da scoprire!

Amanti dei libri, non dimenticare di inserire tra i vostri acquisti anche le biografie

La maggior parte degli amanti dei libri, acquista soprattutto opere di narrativa, sia romanzi lunghi che racconti brevi. Sono poche invece le persone che prendono in considerazione le biografie. Niente di più sbagliato, le biografie devono assolutamente essere prese in considerazione per la propria libreria di casa, perché sono libri semplicemente meravigliosi. Che cosa rende una biografia così tanto eccezionale? La biografia, se ben scritta, non è poi molto diverso da un romanzo, con la sola differenza che in questo caso si ha l’assoluta certezza che gli eventi narrati non siano frutto della fantasia dell’autore, ma eventi realmente accaduti. Proprio per questo motivo un lettore riesce ad appassionarsi a quella storia in modo ancora più intenso, sentendo su di sé tutto il peso del protagonista, sentendolo vicino, quasi come se a raccontare queste vicende fosse un amico che si sta confidando.

Non solo, la biografia è anche un modo per dare maggiore slancio a molti importanti eventi storici. Perché grazie alla biografia molti eventi di fondamentale importanza per la storia dell’umanità prendono un sapore diverso e una maggiore intensità, proprio perché raccontati da chi li ha vissuti, proprio perché non si tratta di un mero freddo e asettico libro di testo scolastico. Infine le biografie consentono di scoprire alcuni dettagli della storia che sui libri scolastici proprio non sono state inserite, sin troppo scarni rispetto alle esperienze che l’umanità nel corso dei secoli ha avuto modo di intraprende.

È possibile scoprire, giusto per fare alcuni esempi, chi fu l’uomo che ha inventato i vaccini e che ha permesso al mondo di eliminare alla radice lo spauracchio di molte brutte malattie, è possibile leggere le lettere di Chopin al fine di addentrarsi nel suo genio creativo, osservare con assoluta ammirazione la forza d’animo di Coco Chanel, che non è stata certo solo una stilista eccezionale ma anche una grande donna capace di rivoluzionare il mondo della femminilità e il ruolo delle donne nella società. È possibile avvicinarsi ad Oscar Wilde, a quella intimità che lui non ha mai nascosto ma che spesso, per pudore, non compare sui libri di scuola e che invece è importante per capire davvero le sue opere. È possibile scoprire Hitchcock e la rivoluzione che ha portato nel mondo del cinema e della narrazione stessa.

Biografia dopo biografia, si collezionano quindi vite ed esperienza, che possono essere di aiuto nella comprensione della storia, del mondo, della nostra epoca contemporanea, persino di noi stessi. Sono libri più completi allora di un mero romanzo, che meritano di essere acquistati, letti e riletti, che meritano di far parte a pieno titolo della vostra libreria personale. Sono molte le case editrici che offrono biografie eccellenti, anzi possiamo tranquillamente affermare che ormai tutte ne hanno un vasta gamma. Potete quindi tranquillamente decidere di fare affidamento sulla casa editrice che più vi piace, ma ricordate di scegliere sempre anche le case editrici indipendenti che vi consentono di scoprire anche personaggi meno noti e che vi offrono uno sguardo sul mondo spesso anche un po’ insolito.

Come promuovere un nuovo negozio nel modo giusto

Quando si apre un nuovo negozio, è sempre molto importante fare il possibile per emergere nel proprio settore di riferimento. La concorrenza è sempre spietata, per cui sappiamo bene che si tratta spesso di una vera impresa per pochi.

Qui abbiamo deciso di darvi giusto qualche consiglio, partendo soprattutto dal digitale, per riuscire ad incrementare per davvero le vendite del vostro shop a discapito della concorrenza.

1. Aprite una pagina Facebook o Instagram

Una delle prime cose da fare è sbarcare sui social con una pagina o un profilo ad hoc creato appositamente per la propria azienda. Ma perché è così necessario far ciò? Semplice: al giorno d’oggi i social raggruppano un quantitativo di utenti davvero esorbitanti e si tratta giustappunto di utenti potenzialmente interessati a ciò che produci. Per cui, essere attivi e predisposti sui social network significa farsi conoscere dai più e soprattutto lavorare per far sì di ottenere sempre più contatti e clienti. Per fa ciò, potete lavorare da soli oppure potete richiedere aiuto ad un’agenzia pr Milano per far prima ed ottenere risultati davvero professionali.

2. Create un blog di interesse

Il blog è un altro strumento perfetto per aumentare clientela e popolarità di un business. Si tratta di uno spazio personale dove scrivere e pubblicare articoli di interesse ma soprattutto pertinenti a ciò di cui vi occupate. Lavorando di SEO e soprattutto scrivendo testi chiari ed esaustivi, apparirete agli occhi di chi vi visita come gente esperta e davvero consapevole di ciò che scrive. In altre parole, potreste riuscire ad ottenere quindi più guadagni.

3. Aprite un sito vetrina


In ultimo, ma non certo di importanza, abbiamo il sito vetrina, un sito cioè dove raccogliere tutte le informazioni peculiari che riguardano la vostra attività. Si tratta di un portale molto semplice, dove raccontare della vostra azienda, dei vostri servizi, dove scrivere i recapiti e dove fare un excursus della vostra cronistoria e di cosa producete. Insomma, un sito molto semplice, per niente pretenzioso o costoso, che vi aiuterà comunque a fornire tutte le informazioni necessarie a tutti gli utenti interessati a voi e a ciò che vendete.

Come differenziare un’azienda dalla concorrenza: consigli

Avete da poco aperto un’azienda ma non sapete come differenziarvi dalla vostra concorrenza? Al giorno d’oggi non è senz’altro facile riuscire a crearsi una propria identità e a coinvolgere un’ampia fetta di pubblico a discapito dei concorrenti. Tuttavia, in tanti ci riescono e potete farlo anche voi con un po’ di inventiva ma soprattutto di strategia.

Ebbene, in questa guida abbiamo deciso giustappunto di aiutarvi in modo da far crescere la vostra azienda, differenziandovi dagli altri in tutto e per tutto.

1. Curate il vostro logo

Una delle prime cose da fare per crearvi una vostra identità aziendale è quello di creare un vostro logo personalizzato ed identificativo. Il logo è una delle prime cose che il cliente nota quando fa shopping, legge una pubblicità o naviga in rete, per questo nulla può e deve essere lasciato al caso. Fate delle ricerche, fatevi aiutare da degli esperti grafici e cercate di capire qual è la vostra mission e come metterla nero su bianco su un logo. Inoltre, non dimenticate il fatto che il vostro logo dovrà essere stampato su locandine, adesivi con stampa etichette online, volantini, per cui fatelo creare in modo leggibile e che si adatti ad ogni supporto. In questo modo, sarà più semplice strutturarlo nel migliore dei modi.

2. Create un vostro sito web

Può sembrare una cosa alquanto scontata o forse poco importante, ma avere un sito web è quasi obbligatorio al giorno d’oggi. La maggior parte degli utenti, infatti, è decisamente diventata digitale, per cui ciò che non è presente su internet è un po’ come se non esistesse nella realtà. Affidatevi a dei professionisti del settore e create un sito web chiaro, leggibile e facilmente reperibile su Google, in modo da apparire professionali e avvicinare una fetta di pubblico anche non necessariamente localizzata geograficamente vicino a voi.

3. Pubblicizzatevi sempre

La pubblicità è un’ottima strada da percorrere per raggiungere il successo con la vostra azienda. Potete scegliere voi come pubblicizzarvi: potete usare volantini, brochure, cartelloni pubblicitari semplici, roll up e chi più ne ha, più ne metta. La cosa più importante è lavorare di strategia e cercare di pubblicizzarvi in modo diverso, divertente ed intelligente, per poter sperare di incrementare le vostre vendite e raggiungere i vostri competitor.

4 proprietà dell’olio extravergine di oliva che forse non sai

L’olio extravergine pugliese o di qualsiasi altra regione, contiene una serie di proprietà che lo rendono perfetto come sostitutivo del burro e come condimento di qualsiasi pietanza. Sì perché l’olio di oliva non è solo un condimento dal sapore buono ma anche un prodotto realmente utile per la salute nostra e del nostro organismo.

Ebbene, ma quali sono le proprietà, quindi, dell’olio di oliva? Scopritelo insieme a noi in questa guida.

1. Aiuta ad idratare la pelle

L’olio di oliva aiuta davvero ad idratare la pelle e a renderla più sana. Di fatti è spesso molto indicato per le pelli secche, cioè povere di sebo, il grasso naturale dell’epidermide. Non a casa, infatti, viene utilizzato come ingrediente essenziale per la preparazione di creme idratanti o specifiche per questo tipo di pelle.

2. Tiene il colesterolo sotto controllo

Per chi soffre di colesterolo, l’olio rappresenta un ottimo alimento da assumere, sempre e comunque con moderazione, sia chiaro. Questo perché, a differenza del burro ricco di grassi poco sani, l’olio è composto da grassi monoinsaturi che aiutano ad incrementare il colesterolo buono a discapito di quello cattivo. Per questo viene spesso usato al posto del burro sia nelle preparazioni dei dolci che dei piatti salati.

3. Rafforza il sistema immunitario

Le proprietà antiossidanti e i nutrienti essenziali di cui è composto l’olio aiutano a rafforzare il sistema immunitario e a tenere alla larga batteri, virus o comunque sintomi influenzali. In aggiunta, l’olio è in grado di agire anche contro altri microorganismo che possono provocare ingenti malattie.

4. Aiuta a perdere peso più velocemente


L’olio è composto da una serie di grassi buoni che provocano sazietà e che al contempo stimolano l’azione del metabolismo. Per questo, se assunto come condimento e sempre con la dovuta moderazione, può aiutare a dimagrire più in fretta e senza troppo sacrifici. Provare per credere.

Camera d’albergo: come vedere se è davvero pulita

Capita a tutti di viaggiare e di alloggiare in camere d’albergo apparentemente soddisfacenti. Ma è sempre veramente così? Ovviamente no. Tantissimi hotel nascondono dei veri orrori nelle proprie camere, dovuta alla negligenza e alla poca professionalità degli addetti alle pulizie.

Ebbene, per evitare tutto questo, ecco giusto qualche consiglio per riuscire a capire se siete approdati in una camera d’albergo davvero pulita o solo apparentemente.

1. Iniziate dal letto

Una delle prime cose da valutare è sicuramente il letto poiché è ciò con cui chiaramente entrerete più in contatto. Come sono le lenzuola? Vi sembrano pulite? Sono profumate? Ovviamente ogni hotel è obbligato a cambiare le lenzuola ogni qualvolta la stanza cambia ospiti. Ma è avvenuto davvero? In una struttura lussuosa, spesso si valuta anche la bellezza delle lenzuola, soprattutto se sono acquistate da chi fa vendita biancheria da letto online. Ebbene, come sono? Vi sembrano particolarmente eleganti? Valutate questo prima di accettare la vostra camera.

2. Passate al bagno

Al secondo posto per quanto concerne i controlli nelle camere degli hotel non può certamente mancare il bagno, spesso covo di germi e batteri dovuti a scarsa pulizia. Per verificare l’igiene, controllate le condizioni dei sanitari: vi sembrano vecchi e scrostati? Inoltre, abbiate cura di vedere se saponette e bagno schiuma vi sembrano accuratamente nuovi e sigillati. Inoltre, prima di fare la doccia, indossate sempre degli scarponcini di gomma e lavate sempre con acqua e sapone i bicchieri per gli spazzolini, spesso solo risciacquati ma mai sterilizzati.

3. Valutate se la camera ha polvere

Un altro indice di scarsa pulizia è senza dubbio la presenza di polvere nella camera d’albergo. Capita che gli addetti facciano delle pulizie piuttosto grossolane senza controllare orefizi o comunque zone più nascoste. Valutate, ad esempio, quanto è pulito il telecomando della tv: tra un tasto e l’altro ci sono granelli di polvere? Oppure, i cassetti degli armadi hanno un odore di chiuso e vi sembrano poco puliti? Prestate attenzione a tutto questo per evitare di entrare in contatto con una spesso fastidiosa dose di polvere.

4. E gli odori?


Quando una stanza ha un odore di chiuso significa che questa non arieggia bene. Di conseguenza, potrebbe esserci muffa sui muri. Controllate dietro gli armadi o dietro il letto se è presente muffa e date un’occhiata anche dietro i comodini per capire quanto e se la stanza prende davvero aria.